COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Gomito

Il gomito è l’articolazione dell’arto superiore che collega braccio e avambraccio. Questa articolazione consente di flettere ed estendere quest’ultimo rispetto alla parte superiore del braccio, e permette l’azione di rotazione dell’avambraccio e del polso.

Che cos’è il gomito?

Il gomito è un’articolazione composta dalle estremità dell’omero, nella zona superiore del braccio, e di ulna e radio, nell’avambraccio. L’estremità dell’omero si compone di due parti, la troclea nella parte interna e il capitello nella parte esterna. La prima è congiunta all’ulna, mentre il secondo si articola con il radio.

Le superfici delle ossa dell’articolazione sono rivestite di uno strato sottile di cartilagine. L’articolazione è, inoltre, avvolta da una capsula con funzione al contempo rinforzante e lubrificante. Il liquido generato dalla membrana sinoviale della capsula riempie gli spazi vuoti fra le ossa, riducendo le forze di attrito, mentre l’ampio sistema di legamenti situati attorno alla capsula aiutano il gomito a rimanere stabile e a sopportare gli stress meccanici. I legamenti collaterali radiale e ulnare uniscono e mantengono in posizione il radio e l’ulna, mentre il legamento anulare congiunge le ossa dell’avambraccio. Nel loro insieme permettono i movimenti, evitando la lussazione dell’articolazione.

A cosa serve?

L’articolazione consente di flettere ed estendere l’avambraccio, con un raggio di azione di circa 180 gradi. Inoltre permette la rotazione del radio, che a sua volta rende possibili le azioni di pronazione e supinazione della mano e del polso. I movimenti del gomito sono comunque limitati dalla struttura dell’ulna e dalla compressione dei tessuti molli che avvolgono l’articolazione nel momento della flessione.

In prossimità del gomito sono presenti o si inseriscono anche molteplici muscoli. Sei di questi controllano l’estensione della mano e delle dita, che possono stressarsi a tal punto da scatenare l’epicondilite (detta anche “gomito del tennista”), una patologia che può spesso guarire mediante il riposo.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici