COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Gonfiore della mammella

Che cos’è il gonfiore della mammella?

Il gonfiore della mammella è un disturbo piuttosto comune e spesso senza conseguenze. Nella maggior parte dei casi le cause sono semplicemente variazioni ormonali fisiologiche, come quelle che caratterizzano le fasi della pubertà, del ciclo mestruale, della gravidanza, dell’allattamento, della menopausa oppure legate all’assunzione di contraccettivi ormonali. Tuttavia, in alcuni casi, soprattutto in presenza anche di altri sintomi, può essere il campanello d’allarme che indica l’insorgenza di una patologia.

Quali patologie possono essere legate al gonfiore della mammella?

Le malattie associabili a gonfiore della mammella, in ordine alfabetico, sono:

  • Cancro al seno
  • Ectasia duttale
  • Infezioni al seno
  • Infezioni al sistema linfatico
  • Mastite
  • Necrosi del grasso mammario
  • Noduli benigni
  • Sindrome premestruale

Tuttavia, questo non è un elenco esaustivo. Se i sintomi persistono, si consiglia di consultare il proprio medico di fiducia.

Quali sono i rimedi contro il gonfiore della mammella?

Se non si tratta del sintomo di una patologia che richiede un trattamento specifico, il gonfiore della mammella può essere contrastato con l’assunzione di farmaci (per es. a base di ormoni) o vitamine (soprattutto la vitamina E) oppure applicando impacchi caldi o freddi. Altri rimedi utili sono la diminuzione dell’assunzione di caffeina, una dieta a ridotto contenuto di grassi e l’utilizzo di un reggiseno comodo e adatto alle proprie misure.

A volte, soprattutto in caso di donne che soffrono di ansia, possono essere particolarmente d’aiuto anche le tecniche di rilassamento.

Quando è necessario rivolgersi al proprio medico?

È consigliabile rivolgersi al proprio medico curante nel caso in cui il disturbo persista o sia associato a perdita di liquido dal capezzolo oppure in caso si sospetti la presenza di un nodulo.

In caso di presenza di noduli già accertata è consigliabile tenerli costantemente monitorati e rivolgersi al medico nel caso in cui si notino dei cambiamenti.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici