Verruche comuni della pelle

Cosa sono? 

Le verruche comuni, conosciute anche come “porri”, sono alterazioni cutanee di varie dimensioni e forme, che possono provocare dolore alla pressione. Ne esistono diversi tipi: quelle che compaiono piccole e numerose sul dorso delle mani e sul viso, sono chiamate verruche piane (giovanili) e possono essere talvolta difficili da riconoscere, mentre quelle che compaiono sulla pianta dei piedi vengono chiamate verruche plantari. Altre sedi frequenti sono i palmi delle mani, la regione periungueale, talvolta le ginocchia. I bambini sono in genere i più interessati dalle verruche. 

Quali sono le cause? 

Le verruche comuni sono causate da un’infezione virale dovuta ad alcuni ceppi dell’HPV, il virus del Papilloma umano. I fattori che aumentano il rischio di contrarre l’infezione sono: 

  • difese immunitarie basse
  • pelle lesionata
  • contatto diretto o indiretto con le proprie verruche o quelle altrui (processo noto con il nome di “autoinoculazione”)
  • frequentazione di zone umide (terme, bagni turchi, docce, piscine, palestre)
  • uso condiviso di oggetti a rischio (asciugamani, accappatoi e oggetti per la cura delle unghie)

Come si manifestano? 

In genere, le verruche si possono riconoscere da:

  • ispessimento dello strato più superficiale della pelle (strato corneo)
  • sfumature giallo-grigiastre
  • dolore se si esercita pressione sulla lesione
  • superficie irregolare
  • forma tondeggiante

Come si diagnosticano?

E’ necessaria una visita dermatologica durante la quale lo specialista è in grado di diagnosticare le verruche osservandone le caratteristiche. Solo in caso di dubbio, potrà essere necessario il prelievo di un piccolo campione da analizzare. 

Come si curano?

In molti casi, le verruche comuni regrediscono spontaneamente in 1-5 anni, ma per la loro elevata contagiosità il trattamento è sempre indicato. Il tipo di trattamento della verruca varia in base a fattori quali:

  • tipologia
  • posizione
  • profondità
  • numero
  • estensione 

Sulla base di questi fattori, i diversi i trattamenti indicati possono prevedere:

  • soluzioni a base di acido salicilico o  altri acidi: il paziente applica autonomamente la soluzione sulla verruca per diverse settimane
  • crioterapia con azoto liquido a -196°: effettuata dal dermatologo, determina il congelamento della verruca e la formazione di una reazione infiammatoria locale. Possono essere necessarie più sedute. 
  • laserterapia con laser vascolare Dye: molto specifico e accurato, permette di colpire i capillari che apportano nutrimento alla verruca e di farla scomparire in poche sedute

Come si prevengono?

Le modalità di trattamento delle verruche sono numerose, ma è alto il rischio di recidiva, cioè che ricompaiano. Consigli generali di prevenzione sono: 

  • evitare il contatto diretto con le zone colpite da verruche di altre persone o con le proprie (per evitare l’autoinoculazione)
  • mantenere sana, pulita e idratata la pelle
  • evitare lesioni e ferite cutanee, perché facilitano l’attacco dei virus
  • evitare di condividere oggetti a rischio 
  • in piscina, doccia o palestra, indossare ciabatte personali

Si possono diffondere nel corpo?

Sì, se non trattate precocemente dallo specialista, una volta comparse in un’area possono diffondersi anche in altre aree del corpo.

Verruche comuni della pelle: Medici

Per maggiori informazioni visitare l’area medica di riferimento