In questo momento, le varie fake news che circolano in rete e sui social, possono aumentare i timori e dubbi delle mamme di infettare e proteggere il neonato dal virus, quando e come usare la mascherina, come mantenere il contatto pelle a pelle, come si svolgerà il parto. Intervistata a Fattore Mamma, Stefania Del Duca, coordinatrice delle ostetriche del Punto Nascita di Humanitas San Pio X, fa chiarezza 

Durante il parto devo usare la mascherina? In sala parto le mamme indossano la mascherina, quella chirurgica di tela leggera, ma quando il momento richiede alla donna di fare respiri profondi, gliela facciamo abbassare per gli attimi necessari, anche per ridurre l’eventuale rischio di contagio per noi operatori. 

Perchè il papà non può entrare in sala parto? Questa è una misura che abbiamo adottato per la protezione delle mamme e dei bambini. Infatti, sebbene con indosso tutti i dispositivi previsti, inserendo un’altra persona in sala parto non abbiamo la certezza di poter proteggere la coppia. Fuori dalla sala parto, il papà vede e partecipa virtualmente ed emotivamente al parto, come se fosse presente, e assiste la mamma e il bambino via skype dal telefono. 

Come faccio se sarò sola in sala parto? La donna non è sola in sala parto, sebbene siano molto cambiate le cose rispetto a prima del coronavirus quando l’ostetrica assisteva la coppia, e non solo la donna durante il travaglio. Oggi, invece, l’ostetrica è diventata veramente la persona a fianco della donna, e occupa tutto il suo tempo e tutto lo spazio vicino alla mamma per poterla sostenere in ogni passaggio, creando legami fortissimi, in una specie di sorellanza ritrovata.

Qual è il modo corretto di indossare la mascherina? E’ necessario farla aderire bene al naso e al volto, usando il ferretto di metallo posto sulla parte superiore della mascherina, poi agganciare i lacci dietro le orecchie o dietro alla nuca, a seconda del tipo di mascherina. Inoltre, le mascherine non sono eterne, e vanno cambiate ogni giorno perché dopo un po’ di ore che vengono indossate si impregnano dell’umidità del respiro e quindi di goccioline di saliva, rendendo le mascherine inutili. 

Perché è necessario usare la mascherina durante l’allattamento? L’allattamento è un momento bellissimo e di grande vicinanza con il proprio bimbo. Se in sala parto, il contatto pelle a pelle, in cui il bambino viene lasciato pelle a pelle sulla mamma, continua ad essere possibile, e durante l’allattamento viene raccomandato alla mamma di usare sempre la mascherina, perchè il contatto diretto e le goccioline di saliva possono comunque ricadere sul bambino. Infatti, il virus non si trasmette dalla placenta al feto prima della nascita, ma dopo il parto, con le goccioline di saliva (droplet), può passare dalla mamma al neonato. 

Quali precauzioni prendere prima di allattare? Diciamo sempre alle mamme che, prima di allattare devono: 

lavarsi accuratamente le mani con il sapone per 30-40 secondi
asciugarle bene
indossare la mascherina
allattare

La mascherina può influire sulla relazione con il bambino? Il bambino vede a una distanza molto breve, circa venti centimetri, ma ha la predilezione per gli occhi materni, per il capezzolo materno, forme circolari con una parte più scura all’interno. Il neonato punta quindi agli occhi della mamma, sono quelli che vuole vedere, sono quelli che cerca. Solo più tardi, il bambino vedrà anche il contorno del viso.

Come mantenere il contatto pelle a pelle con il neonato? Il contatto delle mani è molto importante per il bambino. Durante l’allattamento, per aumentare il contatto del bambino con la pelle della mamma è possibile adottare semplici strategie come stare a seno nudo, senza la camicia, lasciare il bimbo solo con il pannolino addosso, e guardarlo negli occhi.