COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Aria condizionata: può causare mal di schiena e collo?

Fa caldo, e complice anche l’umidità estiva la temperatura percepita è ancor più calda e afosa. Sopportare il caldo senza l’aria condizionata in auto, in treno, al lavoro, al ristorante e anche a casa, è diventato ormai difficile, anche di notte. Alcuni però ritengono che l’aria condizionata faccia venire torcicollo, mal di schiena e dolore alla cervicale. Se l’aria condizionata faccia bene o male alla schiena e alla cervicale, l’abbiamo chiesto al dottor Giovanni Casero, ortopedico della colonna vertebrale di Humanitas San Pio X.

L’aria condizionata: bene, ma a certe condizioni

«L’aria condizionata è un aiuto necessario per il benessere dell’organismo in estate – spiega l’esperto -. Specie chi soffre di patologie cardiovascolari, respiratorie, anziani e bambini, dovrebbero soggiornare in ambienti condizionati a una temperatura costante, evitando di posizionarsi davanti al bocchettone dell’aria. Per quanto riguarda l’effetto dell’aria condizionata sull’apparato muscoloscheletrico, non ci sono studi che associano aria condizionata a problemi come il “colpo della strega”, torcicollo, mal di schiena e altri dolori alla colonna. Neppure dormire con l’aria condizionata accesa fa male al nostro sistema muscolare e scheletrico, e alla nostra salute. Tuttavia, l’esposizione prolungata al getto dell’aria diretto e freddo potrebbe far insorgere problemi muscolari ma è importante osservare alcune raccomandazioni:

In auto: non posizionare il flusso dell’aria condizionata diretto verso di noi, ma lasciare che l’aria più fresca si diffonda nell’abitacolo. 

A casa/ lavoro: impostare la temperatura dell’aria condizionata a 24-26 gradi quando la temperatura esterna è di oltre 30 gradi. Anche nelle giornate più torride, la temperatura interna non dovrebbe mai scendere al di sotto dei 24 gradi.

Specialista in Neurochirurgia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici