COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Bambine e ragazze: quando serve il ginecologo dell’infanzia e dell’adolescenza?

Posta tra ginecologia e pediatria, la ginecologia dell’infanzia e dell’adolescenza si occupa della salute riproduttiva delle bambine e adolescenti. Il ginecologo infatti non è solo una delle figure professionali di riferimento nella vita della donna dall’arrivo delle mestruazioni ai primi rapporti sessuali, dalla gravidanza alla menopausa, ma è il medico che permettere alle future donne di crescere bene e in salute.

Ne abbiamo parlato con il dott. Tiziano Motta, ginecologo di Humanitas San Pio X.

Quando serve il ginecologo dell’infanzia e dell’adolescenza?  

L’infanzia è l’età della vita che arriva fino a circa i 10 anni, seguita dall’adolescenza dai 10 ai 19/20 anni circa. Infanzia e adolescenza sono le età della crescita e differenziazione sessuale: nelle bambine possono manifestarsi patologie malformative dell’apparato genitale, infezioni vulvo-vaginali, in particolare le sinechie delle piccole labbra, perdite ematiche e traumi. Durante l’adolescenza, con la comparsa della prima mestruazione, le ragazze possono avere dolore (dismenorrea), alterazioni del ciclo (menometrorragie, assenza del ciclo), comparsa di eccessiva peluria in zone tipicamente maschili (irsutismo), che richiedono una valutazione e terapia. Ma durante l’adolescenza, con la maturazione sessuale, il ginecologo è anche il medico di riferimento per la contraccezione e la prevenzione o terapia delle infezioni vulvo-vaginali, talora sessualmente trasmissibili.

Per quali disturbi i genitori dovrebbero portare le figlie dal ginecologo dell’infanzia e dell’adolescenza? 

In genere, quando i genitori si accorgono di un aspetto anomalo dei genitali esterni delle figlie, in presenza di perdite ematiche o secrezioni vaginali, prurito e/o bruciore, traumi, sviluppo precoce o ritardato è consigliato portare le proprie figlie dal ginecologo.

Come raccomandato nelle linee guida pubblicate dall’American Congress of Obstetricians and Gynecologists (ACOG), la prima visita ginecologica con finalità essenzialmente preventive ed educative, andrebbe eseguita in tutte le adolescenti tra 13 e 15 anni, mentre secondo l’American Academy of Pediatrics una valutazione dei genitali andrebbe eseguita tra gli 11 e i 14 anni come visita di routine.  

Come avviene la visita ginecologica nelle bambine e adolescenti?

L’esame ginecologico nelle bambine e adolescenti si limita all’ispezione dei genitali esterni, dell’addome, delle ghiandole mammarie e alla valutazione obiettiva dello sviluppo sessuale con l’eventuale comparsa di peli pubici ed ascellari. Se necessario, la visita si completa con una valutazione degli organi interni con l’ecografia con sonda addominale appoggiata quindi sull’addome della giovane.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici