COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Covid-19: come il virus attacca i polmoni

Intervistata a Canale Cinque, la dottoressa Francesca Puggioni, pneumologa e aiuto primario del Centro di Medicina Personalizzata: Asma e Allergologia di Humanitas Research Hospital, spiega cosa accade ai polmoni quando vengono attaccati dal nuovo Covid-19. 

«Dipende dalle difese immunitarie che ognuno di noi ha – dice la dottoressa Francesca Puggioni -. In generale, una persona giovane ha un sistema immunitario che funziona meglio di una persona anziana e in presenza di patologie croniche, come una patologia a carico del cuore o del rene, oppure il diabete, ma anche la pressione alta, il sistema immunitario è già impegnato a combattere contro queste debolezze. Quindi il virus che arriva è la goccia che fa traboccare il vaso, il corpo non regge più e quindi le difese immunitarie crollano. E’ a questo punto che il virus, il coronavirus, può fare i danni che ormai conosciamo, e creare una fortissima infiammazione a livello del polmone, come se ci fosse una polmonite 10 volte più potente di una polmonite a cui siamo abituati normalmente.

Perché improvvisamente non si riesce a respirare?

«Attraverso i polmoni l’aria e l’ossigeno che respiriamo – continua la dottoressa Puggioni – passano dal polmone al nostro sangue, e questo è quello che ci permette di vivere. Quando i polmoni sono molto infiammati, la barriera tra il polmone e il sangue diventa molto spessa, e non permette all’ossigeno di passare al sangue. Pertanto, non abbiamo più ossigeno nel sangue, è come se si morisse annegati, anche se non c’è acqua. La carenza di ossigeno nel sangue porta di conseguenza a un indebolimento di tutti gli organi perché se non c’è l’ossigeno non funzionerà più il cuore, neppure il rene e il cervello, e tutti gli organi crollano con un effetto domino. E’ per questo motivo che il ventilatore è fondamentale per mantenere l’ossigenazione dell’organismo quando i polmoni non riescono più a farlo». 

Perché i fumatori sono i pazienti con sintomi più gravi?

In generale, fumatori ed ex fumatori sono i pazienti più gravi che abbiamo in terapia intensiva – continua l’esperta -, perché sono più fragili dal punto di vista respiratorio, e con un sistema immunitario più debole, il polmone del fumatore è già un polmone infiammato che rende molto più facile al coronavirus riuscire a fare danni in questo tipo di polmone».

 

I consigli dell’esperta

  • smettere di fumare. La quarantena potrebbe essere un buon momento per pensare e iniziare a smettere di fumare, soprattutto perchè evitando di uscire per fumare, si evita anche il rischio di infettare e farsi infettare dal virus
  • aerare gli ambienti. Ogni ora tenere aperte le finestre per 15 minuti, sia che faccia caldo o freddo, aiuta a eliminare dagli ambienti chiusi un’alta concentrazione di virus
  • prestare attenzione ai gesti abituali. Non toccare con le mani il viso, la bocca, gli occhi, il naso o i capelli con le mani non lavate
  • curare di più l’igiene personale. Lavare bene le mani, il viso e anche i capelli, che vengono toccati di frequente con le mani, ogni volta che si rientra in casa da ambienti chiusi, dove potrebbe trovarsi il coronavirus, o quando siamo stati esposti all’aria. 
  • lavare spesso abiti e lenzuola. Una volta rientrati a casa, togliere gli abiti, lasciarli fuori dal balcone o dalla finestra e non accumulati uno sull’altro in casa, o appoggiati a divani e letto. Anche le lenzuola sulle quali tossiamo e respiriamo durante la notte, vanno lavate di frequente e lasciate all’aria e al sole dal balcone, se possibile.   

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici