COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Donna: cattivo odore vaginale e perdite richiedono sempre la valutazione del medico?

Può capitare anche alle donne in giovane età, soprattutto se sessualmente attive, di avere disturbi vaginali di cui, spesso, non parlano con il medico per timore o vergogna. Tuttavia, non esistono argomenti tabù quando si tratta della propria salute, e neppure disturbi che possono essere sottovalutati. Infatti, cattivi odori vaginali, perdite vaginali biancastre, marroncine, dense o mucose, prurito genitale e talvolta dolore durante i rapporti sessuali sono sintomi di diverse cause. 

Nelle donne sessualmente attive, perdite vaginali maleodoranti richiedono sempre la valutazione di un medico ginecologo? Ne abbiamo parlato con la dottoressa Raffaela Di Pace, ginecologa e sessuologa di Humanitas San Pio X.

Quali possono essere le cause di cattivi odori vaginali?

«Nelle donne sessualmente attive, sintomi descritti come “perdite vaginali di cattivo odore” hanno un’ampia varietà di cause possibili non sempre e non solo riferibili a un’infezione vaginale fungina come la candidosi vaginale, piuttosto frequente nelle donne – spiega la dottoressa Di Pace -. Anche infezioni da Trichomonas Vaginalis o da Gardnerella Vaginalis, sessualmente trasmissibili, causano perdite vaginali maleodoranti, insieme a prurito genitale e minzione dolorosa. Ma anche altre infezioni sessualmente trasmissibili, tra cui l’herpes, la clamidia e la gonorrea, possono causare sintomi simili. Le infezioni sessualmente trasmissibili sono comuni, e stanno aumentando di frequenza, soprattutto nei giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni».

A chi rivolgersi e cosa fare in caso di perdite vaginali maleodoranti?

«È comprensibile avere qualche riserva sul discutere di argomenti come la salute sessuale e i problemi vaginali – sottolinea l’esperta -. Ma per salvaguardare la propria salute è estremamente importante consultare uno specialista anche in presenza di sintomi come perdite vaginali, per valutarne la causa e determinare il miglior trattamento specifico. Anche se parlare di questioni relative alla salute sessuale può essere difficile, è bene sapere che questo tipo di conversazioni sono abbastanza comuni per i medici di famiglia e i ginecologi. Discutere e gestire i sintomi associati alla vita sessuale e alla riproduzione è una parte importante dell’attività di un medico, e parlandone ci si può assicurare di ricevere le cure necessarie. 

Tuttavia, anche in assenza di sintomi, le donne sessualmente attive dovrebbero comunque fare uno screening almeno una volta all’anno, per la Clamydia trachomatis e la gonorrea (Neisseria gonorrhoeae). Questo perché queste due infezioni a trasmissione sessuale non sempre causano sintomi nelle donne, e possono portare a problemi di salute nel lungo periodo, tra cui l’infertilità, se non trattate adeguatamente. Inoltre, avere un’infezione a trasmissione sessuale non trattata può aumentare il rischio di prenderne un’altra, come l’HIV o la sifilide, se si è esposti.

Infine – conclude la dottoressa Di Pace -, è raccomandabile la vaccinazione contro l’HPV (Human Papillomavirus), perché alcuni ceppi di questo virus possono causare, nel lungo periodo, il cancro della cervice».

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici