COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Ernia inguinale: è possibile fare sport?

L’ernia inguinale è una patologia da non sottovalutare, per le possibili complicazioni per la salute di chi ne soffre. Senza esagerare con gli sforzi, però, è possibile praticare alcuni sport

Ne parliamo con il professor Jacques Mégevand, responsabile di Chirurgia Generale di Humanitas San Pio X 

Quali sono gli sport da evitare con l’ernia inguinale?

La presenza di un’ernia inguinale o addominale non esclude la possibilità di praticare sport, in particolare quelli che attivano in minor misura la muscolatura della parete addominale inferiore, come nuoto, bicicletta e cyclette. È però importante non dimenticare che la comparsa del tipico fastidio o dolore associato all’ernia, deve essere per la persona il campanello di allarme per fermarsi. 

Esistono alcune eccezioni a questa regola come ad esempio gli sport che prevedono sforzi intensi e carichi; in questo caso, sono da evitare sport come il sollevamento di pesi, la corsa, sport da endurance e attività che prevedono sforzi fisici intensi.

Quali sport possono causare l’ernia?

L’ernia inguinale, o sport hernia, può comparire a causa di sport intensi e prolungati, come gli sport da endurance, nelle persone predisposte, ovvero quando è presente un indebolimento della parete muscolare nella regione inguinale. Lo sforzo indotto dallo sport può quindi contribuire a provocare la protrusione, cioè la fuoriuscita di tessuto adiposo (grasso) o visceri da un’apertura, chiamata orifizio, che si forma a livello dell’inguine a causa dell’indebolimento della parete muscolare. Il sintomo principale è il dolore all’inguine, chiamato pubalgia.  

In caso di pubalgia, è importante fermarsi dal praticare sport e rivolgersi al medico specialista per valutare la presenza di ernia inguinale. Infatti, in alcuni casi, l’ernia inguinale può non presentarsi con la tipica tumefazione (il gonfiore), ma potrebbe comparire quando esacerbata dagli sforzi che aumentano la pressione addominale. In genere, la diagnosi di ernia inguinale avviene durante la visita medica; solo nei casi di piccole ernie, lo specialista potrebbe ricorrere all’ecografia inguinale sotto sforzo. 

Come si cura l’ernia inguinale?

L’ernia inguinale non guarisce da sola, con il riposo, ma deve essere diagnosticata e curata in centri specializzati. L’intervento chirurgico è il trattamento standard che ha lo scopo di evitare e prevenire complicazioni dell’ernia, quali ostruzione o incarcerazione dell’ernia, con conseguenze gravi per la persona. In questi casi, una parte dell’intestino viene incarcerata all’interno del canale inguinale (ernia incarcerata), oppure strangolata dall’ernia non riceve sangue (ernia strozzata): in entrambi i casi è necessario ricorrere alla chirurgia d’urgenza. I sintomi dell’ernia incarcerata sono dolore addominale, nausea, vomito, oltre al rigonfiamento e dolore all’inguine. 

L’intervento chirurgico dell’ernia ha l’obiettivo di riparare l’orifizio che si è creato nella parete addominale, risolvere i sintomi e prevenire le complicanze. L’intervento di routine prevede il posizionamento di una rete non riassorbibile o parzialmente riassorbibile, che viene posta al di sopra della parete posteriore del canale inguinale, per rinforzare i punti di debolezza. In casi selezionati, il chirurgo può scegliere di adottare la tecnica laparoscopica. In entrambi i casi, la chirurgia dell’ernia richiede un ricovero giornaliero in regime di Day Hospital.

Responsabile di Chirurgia Generale

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici