COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Festa del Papà: prevenzione e diagnosi precoce, due preziosi alleati per la salute della prostata

In occasione della Festa del Papà, Humanitas San Pio X in collaborazione con Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, dedica a tutti gli uomini over 45 due giornate di informazione e prevenzione gratuita sul tumore della prostata. Humanitas San Pio X è un ospedale Bollino Azzurro.

Il 18 marzo e 19 marzo, previa prenotazione dell’appuntamento, gli esperti di Humanitas San Pio X sono a disposizione per consulti di prevenzione urologica, aperti a uomini over 45 per conoscere fattori di rischio e tutti i consigli di prevenzione contro il tumore alla prostata, e per consulti sulla cura del tumore alla prostata, aperti a uomini con diagnosi accertata di tumore alla prostata che devono affrontare un percorso di radioterapia per rispondere a dubbi e paure, e affrontare il percorso con consapevolezza. 

Prevenzione e diagnosi precoce: due preziosi alleati

Prevenzione e diagnosi precoce sono due preziosi alleati della salute anche degli uomini. «La Festa del Papà è l’occasione per promuovere tra i maschi la cultura della prevenzione con sani stili di vita, per ridurre il rischio di ammalarsi, e delle visite urologiche di controllo da effettuare periodicamente per intercettare un’eventuale comparsa di tumore prostatico al suo esordio, grazie alla diagnosi precoce – dice il dottor Emanuele Scapaticci, urologo di Humanitas San Pio X.- In fase iniziale, infatti, un tumore prostatico può essere asintomatico. Tuttavia, sottovalutare o attendere che si presentino sintomi come alterazione della minzione, dolore a urinare o eiaculare, ritenzione urinaria, può significare che, in caso di tratti di tumore, la prognosi sarà più severa e la malattia in stadio già avanzato al momento della diagnosi.

La visita urologica periodica, prima dei 40 anni per i maschi con familiarità per il tumore alla prostata, e dopo i 40-45 anni in assenza di fattori di rischio noti, aiuta la prevenzione e permette di intervenire precocemente e spesso in modo mininvasivo in caso di malattia. Infatti, in caso di tumore, non ritardare i controlli può significare guarigione dalla malattia per 1 persona su 4, grazie alle terapie innovative, e tornare ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale».

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici