COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Smartphone, tablet e pc: gli schermi sono uno stress per gli occhi?

Sempre più persone, per lavoro o per svago, rimangono per ore con gli occhi fissi sullo schermo di un computer o di altri dispositivi come smartphone o tablet.

In questi casi si parla in genere di possibile affaticamento della vista.

Questo disturbo, che ha oggi diffusione quasi epidemica, è strettamente legato proprio all’uso prolungato di dispositivi tecnologici, tanto che si può parlare di stress digitale dell’occhio.

Cause specifiche e soggetti sensibili

Questo particolare disturbo all’occhio è provocato perlopiù dal tipo di luce che i vari dispositivi emettono.

Molti schermi digitali, infatti, sprigionano una luce visibile ad alta energia non molto dissimile da una luce non visibile ultravioletta.

Tale tipo di luce è comunemente conosciuta come luce blu e può essere responsabile, unita ad altri fattori, della difficoltà a prendere sonno durante la notte.

Alcuni studi hanno inoltre scoperto che la luce blu può causare anche una disgregazione del pigmento maculare nella parte posteriore dell’occhio; potenzialmente, questo disturbo potrebbe poi sfociare in una degenerazione maculare con conseguente cecità.

Nei bambini, per esempio, grandi fruitori delle nuove tecnologie, assistiamo spesso a bruciore, prurito e stanchezza degli occhi.

I più a rischio, tuttavia, e questo per ragioni di lavoro, rimangono gli adulti, che passano dalle 6 alle 8 ore (fino anche a 10) davanti agli schermi, risultando quindi maggiormente soggetti allo stress digitale dell’occhio.

Sintomi ed effetti a lungo termine

I sintomi dello stress digitale dell’occhio sono molto semplici da riconoscere.

I più comuni comprendono:

  • occhi lacrimosi o secchi;
  • vista offuscata;
  • difficoltà a mettere a fuoco;
  • dolori a collo, spalle e schiena;
  • crescente sensibilità alla luce.

A lungo termine, questi sintomi possono provocare disturbi cronici come un mutamento della vista con conseguente prescrizione di lenti, spesso per correggere la miopia, sempre più frequenti episodi di dolore agli occhi, visione doppia e mal di testa.

Possibile prevenzione

Fortunatamente, lo stress digitale dell’occhio è un disturbo abbastanza prevenibile e può essere evitato mediante alcune accortezze:

  • fare pause frequenti o anche staccarsi per 15 minuti dallo schermo permette ai muscoli oculari di rilassarsi;
  • sbattere frequentemente le palpebre aiuta a mantenere l’umidità della cornea, che permette una visione più chiara;
  • regolare il livello di luminosità dello schermo, mantenendola alta durante il giorno per ridurre il tremolio della luce. Di notte, invece, occorre indossare occhiali che blocchino la luce blu;
  • assicurarsi che lo schermo sia a distanza di sicurezza dagli occhi: tra i 40 e i 60 centimetri e un poco sotto il livello dello sguardo;
  • sottoporsi a un esame oculistico per farsi prescrivere occhiali o lenti a contatto: tanto più l’esame è precoce, maggiori sono le possibilità di prevenire eventuali disturbi, prima che peggiorino.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici