COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Gravidanza: quando le perdite vaginali sono preoccupanti? 

Avere perdite vaginali in gravidanza è abbastanza comune, specie nel primo trimestre. In genere non sono perdite che devono preoccupare, ma è bene saper riconoscere il tipo di perdita e rivolgersi al proprio ginecologo

Approfondiamo l’argomento con la dottoressa Giulia Bonavina, ginecologa di Humanitas San Pio X e di Humanitas Medical Care Murat.

Perdite vaginali nel primo trimestre di gravidanza

Le perdite vaginali in gravidanza possono essere causate da un normale aumento delle secrezioni vaginali dovute a fattori ormonali. Tuttavia, il colore delle perdite è un indicatore importante:

  • Perdite vaginali chiare, trasparenti o biancastre: questo tipo di perdite, chiamate in termini medici leucorrea gravidica fisiologica, sono innocue, non c’è da preoccuparsi e non è necessario intervenire in alcun modo.
  • Perdite vaginali tendenti al verde, al giallo, bianche e dense (simile a ricotta) o maleodoranti: questo tipo di perdite può indicare la presenza di un’infezione vaginale. È pertanto raccomandabile rivolgersi al proprio ginecologo di riferimento per una valutazione specialistica, eventualmente effettuando anche un tampone vaginale per accertare la natura dell’infezione e determinare la terapia più adatta in gravidanza.
  • Perdite vaginali di colore rosso scuro o marrone: questo tipo di perdite potrebbe essere causato dalla rottura di qualche capillare o all’impianto non ancora ottimale nel primo trimestre della gravidanza. Anche in questo caso è bene rivolgersi al proprio ginecologo.
  • Perdite di colore rosso vivo: questo tipo di perdite, specie se abbondanti e associate a dolore pelvico, sono da considerarsi un’emergenza perché potrebbe trattarsi di una minaccia di aborto. In questo caso, è bene chiamare il proprio ginecologo o recarsi in pronto soccorso per assistenza medica. La perdita di sangue nel primo trimestre non va mai sottovalutata.

Perdite vaginali nel secondo e terzo trimestre di gravidanza

Nel secondo e nel terzo trimestre è importante prestare attenzione alle perdite di sangue, ovvero alle perdite ematiche di colore rosso vivo. Se si presentano questo tipo di perdite è bene recarsi al pronto soccorso o rivolgersi al proprio ginecologo perché è necessaria assistenza medica.

Le perdite vaginali ematiche, infatti, possono essere causate dal distacco di placenta, ovvero la placenta si stacca dall’utero come avviene durante il travaglio o dopo il parto, oppure da placenta previa, quando la placenta scende andando talvolta a ostruire il canale del parto. Se le perdite vaginali di sangue si presentano prima della 37^ settimana, è fondamentale rivolgersi al proprio ginecologo per un controllo oppure presso un reparto di ostetricia e ginecologia, perché potrebbero indicare l’inizio di un travaglio pre-termine.

Ostestricia e Ginecologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici