COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Mini cheesecake leggera con melone e mirtilli alla menta

La ricetta della settimana della dottoressa Francesca Albani, dietista in Humanitas San Pio X, è un dolce fresco e leggero a base di yogurt e formaggio magro, guarnito con melone e mirtilli alla menta.

Ingredienti per 4 persone

80 g biscotti d’avena

200 g ricotta (vaccina o ovina)

100 g yogurt magro greco bianco

40 g zucchero di canna integrale

6 g gelatina in fogli

Un paio di fette di melone maturo

50 g di mirtilli

Menta fresca

Procedimento

Mescolate lo yogurt ai biscotti frullati. Amalgamare il composto e stenderlo sul fondo di 4 piccole tortiere rivestite di carta forno oppure su una teglia (sempre rivestita di carta forno) utilizzando gli anelli tagliapasta. Schiacciare bene e mettere in frigorifero per 30 minuti.

Prendete i fogli di gelatina e immergeteli in un contenitore con acqua fredda per circa 10 minuti. Una volta pronta la gelatina va strizzata e sciolta in un pentolino con due cucchiai di acqua.

Mescolare in una ciotola la ricotta con lo zucchero; aggiungere alla crema la gelatina sciolta e mescolare bene.

Adagiare la crema sui dischi di biscotti che nel frattempo si saranno rassodati e conservare in frigorifero per almeno due ore prima di servire.

Per la guarnizione: tagliare il melone a pezzetti, unire delle foglie di menta fresca e i mirtilli, mescolare e lasciar riposare. Al momento di servire le cheesecake adagiare la frutta sulla sommità del dolce.

Yogurt greco

Presenta un buon contenuto in fermenti lattici vivi, quindi è associato al benessere intestinale ed è particolarmente indicato a chi soffre di stitichezza. Presenta inoltre, rispetto allo yogurt tradizionale, un contenuto inferiore di zucchero, meno sodio, meno lattosio e più proteine. Queste caratteristiche lo rendono adatto sia a chi soffre di intolleranza al lattosio sia a chi sta seguendo un regime ipocalorico e iposodico.

È inoltre una fonte di vitamine che contribuiscono al buon funzionamento del metabolismo e di minerali che aiutano la salute di cuore, ossa e denti.

Melone

Il melone è il frutto del Cucumis melo e in Italia è di stagione da giugno a settembre.

Ricco di acqua (90%), molto rinfrescante e idratante, è un valido aiuto per la stagione estiva. Ricco di sali minerali, carotenoidi e flavonoidi che aiutano a ripristinare l’idratazione della cute e a riparare dai danni dei raggi solari. Inoltre i betacaroteni aiutano l’organismo a produrre melanina. Il melone è poco calorico e ha un elevato potere saziante grazie al contenuto in fibre, che aiutano anche a combattere la stitichezza. Queste caratteristiche lo rendono anche uno spuntino perfetto anche nelle diete ipocaloriche.

Mirtilli

mirtilli neri sono i frutti delle piante del genere Vaccinium che appartengono alla famiglia delle Ericaeae.

Presentano caratteristiche antiossidanti, grazie alla presenza di vitamina C, resveratrolo e antocianine. Sono un’ottima fonte di vitamine, soprattutto A, C ed E e di sali minerali. Grazie ai principi attivi contenuti, riescono anche a prevenire cistiti e altre infezioni alle vie urinarie. Vengono inoltre consigliati a chi soffre di problemi venosi: gambe gonfie, crampi, varici, emorroidi e altre problematiche circolatorie che si intensificano soprattutto nella stagione calda e aiutano a contrastare la ritenzione idrica.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici