COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Secchezza oculare: la diagnosi con il Test di Schirmer e le cure appropriate

L’occhio è un organo delicato e deve sempre rimanere immerso in una soluzione acquosa. «È molto importante che l’occhio presenti sempre un buon trofismo del film lacrimale cosicché la cornea, la parte più esterna dell’occhio, non sfreghi sulla palpebra e rimanga il più possibile trasparente – spiega il dottor Pietro Rosetta -. Per questo occorre che il film lacrimale sia in misura sufficiente per garantire che tutta la struttura oculare (occhio, palpebra e annessi) abbia sempre un trofismo perfetto, così da evitare in particolare i disturbi legati a un’ipo-lacrimazione».

Cosa fare in caso di secchezza agli occhi?

«In presenza di ipo-lacrimazione o di disturbi a essa correlati – continua l’esperto – è consigliabile rivolgersi all’oculista, descrivendo i sintomi che si avvertono. Laddove lo specialista rilevasse un’insufficiente quantità del film lacrimale, determinerà il percorso diagnostico più appropriato».

La diagnosi: il test di Schirmer

«L’esame più semplice di cui disponiamo è il test di Schirmer. Questo prevede l’inserimento di una cartina bibula, quindi assorbente, all’interno dell’occhio per circa 5 minuti. Se l’assorbimento della lacrima sulla cartina risulta inferiore allo standard, si parla di ipo-lacrimazione e dunque di secchezza oculare. Questo disturbo andrà studiato nel suo insieme per vedere se è legato solamente a una condizione lavorativa o di ambiente non idoneo o se vi è una malattia correlata, come per esempio la sindrome di Sjögren o il lupus eritematoso sistemico» spiega lo specialista.

Quali sono le terapie?

«È possibile ricorrere a una terapia appropriata come l’applicazione di sostituti lacrimali in forma liquida o in gel, in forma linkata o in forma naturale – prosegue il dottor Rosetta -. Questa terapia permette di avere una maggior stabilità del film lacrimale e di ridurre così in maniera significativa il disturbo legato all’ipo-lacrimazione e di conseguenza la secchezza oculare. È molto importante contrastare la secchezza oculare per mantenere lo stato di trofismo più idoneo possibile e per evitare lesioni alla cornea che nel lungo periodo potrebbero portare a disturbi estremamente fastidiosi e dolorosi e talvolta molto difficili da risolvere».

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici