COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Sterilità e infertilità maschile: a cosa serve lo spermiogramma?

Sterilità e infertilità non sono sinonimi, ma entrambe implicano l’impossibilità di avere figli. In genere, quando nella coppia che ha il desiderio di avere dei figli ci sono difficoltà al concepimento, sia l’uomo che la donna dovrebbero sottoporsi ad esami e visite specialistiche per capire la natura del problema ed eventualmente, discutere con il medico della possibile terapia. Tra gli esami indicati per il maschio, lo spermiogramma è il più conosciuto. 

A cosa serve lo spermiogramma? L’abbiamo chiesto alla dottoressa Federica  Cetti Serbelloni, responsabile di laboratorio di Humanitas San Pio X.

Sterilità e infertilità: in cosa sono diverse?

«La sterilità maschile si riferisce all’assenza di spermatozoi nel liquido seminale, chiamata anche azoospermia, mentre parliamo di infertilità quando gli spermatozi, il presenti nel liquido seminale hanno una ridotta capacità di fecondare l’ovulo – dice l’esperta -. Lo spermiogramma è uno degli esami che fornisce all’andrologo le informazioni utili a diagnosticare le cause cliniche di infertilità maschile sulla base dei parametri forniti dall’analisi del liquido seminale. Significa che dalla sola lettura del risultato dello spermiogramma non è possibile dire se c’è fertilità o infertilità maschile, e neppure sterilità. Infatti, può capitare che maschi non fertili abbiano un referto con valori nella norma, mentre maschi con basse concentrazioni di spermatozoi possono essere fertili. Per questo, l’esame senza la consulenza andrologica può essere fuorviante».

A cosa serve lo spermiogramma?

«Lo spermiogramma è l’esame che determina la natura delle alterazioni rilevate nel campione di liquido spermatico raccolto dall’uomo attraverso la masturbazione manuale e analizzato in laboratorio  – spiega la responsabile del laboratorio -. Il campione viene studiato nelle sue caratteristiche macroscopiche quali colore e aspetto, pH, volume, ovvero la quantità di seme prodotta, viscosità espressa nella lunghezza del filamento, e tempo di fluidificazione, ovvero il tempo in cui avviene la liquefazione. Segue quindi l’analisi microscopica del campione, per lo studio della concentrazione, capacità di movimento (motilità) e forma della testa, della parte intermedia e della coda (morfologia) degli spermatozoi. Infine, lo spermiogramma rileva anche la presenza di sostanze o cellule che possono compromettere la fertilità dell’individuo: febbre, alcuni farmaci, droghe (cannabinoidi, ad esempio), alcol, malattie a trasmissione sessuale anche se guarite, infezioni virali o batteriche, e numerosi altri fattori lasciano traccia nel liquido seminale e ne influenzano le caratteristiche per anche tre mesi, ovvero il tempo di maturazione completa di uno spermatozoo. Proprio per questo motivo è importante attenersi scrupolosamente alle norme e alle indicazioni di raccolta del campione fornite al momento della prenotazione dell’esame».

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici