COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Chetonemia

Che cos’è?

La chetonemia (o anche acetonemia) è la presenza di corpi chetonici (ovvero acetone, acido beta-idrossibutirrico ecc.) nel sangue, che deriva dai grassi assunti dall’organismo. Un valore elevato di questi corpi chetonici nel sangue è generalmente indicativo di una dieta povera di carboidrati. Il consumo smodato di alcol o il diabete può aumentarne il livello rappresentando grossi rischi per la salute.

Quali sono le malattie che possono essere legate alla chetonemia?

Tra le patologie che si possono associare si segnalano: diabete.

Si consiglia di consultare il proprio medico di fiducia se i sintomi dovessero persistere.

Quali sono i rimedi possibili?

La soluzione ottimale per eliminare il disturbo è prevenirne l’insorgenza, seguendo una dieta equilibrata da carboidrati e limitando il consumo di  bevande alcoliche. Coloro affetti da diabete, soprattutto se assumono farmaci, dovranno curare l’alimentazione, l’esercizio fisico e l’idratazione. Se si manifestasse un episodio di iperchetonemia potrebbe essere richiesto il ricovero in ospedale, dove verranno somministrati insulina e liquidi.

Quando è necessario rivolgersi al medico?

La chetonemia rappresenta un grave rischio per la salute a livelli elevati; è quindi importante consultare il proprio medico il prima possibile.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici