COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Ipotermia

Che cos’è?

L’ipotermia è una situazione di emergenza in cui il corpo perde calore più velocemente di quanto rapidamente riesca a produrlo. Questa condizione porta a una pericolosa diminuzione della temperatura corporea, che si abbassa al di sotto dei 35 °C. A tali temperature il cuore, il sistema nervoso e altri organi non funzionano correttamente.

Spesso è provocata dall’esposizione a una bassa temperatura atmosferica o dall’immersione in acqua fredda. Il suo sintomo principale sono i brividi, cui possono sommarsi capogiri, fame, nausea, respirazione accelerata, difficoltà a parlare e un lieve senso di confusione, perdita della coordinazione, aumento della frequenza cardiaca e affaticamento. In casi più gravi è possibile che il polso rallenti e che si perda progressivamente conoscenza.

Quali patologie possono essere associate?

Le malattie che possono essere associate all’ipotermia sono le seguenti:

  • Morbo di Addison
  • Sepsi
  • Shock settico
  • Ustioni

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che è sempre meglio consultarsi con il proprio medico di fiducia in caso i sintomi persistano.

Esistono rimedi?

In presenza della condizione è basilare provare ad alzare la temperatura corporea. Per farlo non bisogna massaggiare o sfregare il corpo, ma andare, se possibile, in un ambiente caldo e asciutto, togliendo eventuali indumenti bagnati e avvolgendosi in coperte asciutte, coprendo anche il capo e lasciando scoperto solo il viso. Per riscaldarsi si può cercare di ottenere calore tramite la vicinanza di un’altra persona, bere liquidi caldi (ma non alcol) e tamponarsi con impacchi caldi, ma solo sul collo, sulla gabbia toracica o all’inguine, mai su gambe o braccia. È pericoloso anche usare acqua calda o lampade riscaldanti.

I medici potranno invece intervenire con l’emodialisi o con una flebo per scaldare il sangue, o mediante la somministrazione di ossigeno umidificato o l’utilizzo di una soluzione salina calda per scaldare alcune parti del corpo, per esempio la cavità addominale.

Quando è il caso di rivolgersi al proprio medico?

In caso di ipotermia bisogna rivolgersi subito a un Pronto Soccorso.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici