COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Appendicite: conosci tutti i sintomi?

Molti pensano che il sintomo caratteristico dell’appendicite sia il dolore addominale in basso a destra, quasi a livello dell’inguine. Sono invece diversi i sintomi  con cui si manifesta l’infezione dell’appendice: riconoscerli aiuta ad evitare le complicanze. Ne parliamo con il professor Jacques Megevand, responsabile di chirurgia generale di Humanitas San Pio X.

«L’appendicite è l’infiammazione di una piccola estroflessione che si trova nel punto in cui l’intestino crasso si unisce all’intestino tenue – spiega l’esperto -, più frequente in adolescenza e nei giovani adulti. Se non trattata ai primi sintomi, l’appendicite può complicarsi e infettarsi creando un ascesso localizzato in quella parte dell’intestino, oppure perforarsi creando la peritonite che se non trattata chirurgicamente in tempi rapidi, può creare un’infezione chiamata sepsi che da localizzata al peritoneo può estendersi a tutto l’organismo con conseguenze gravi per il paziente».

Come si manifestano i sintomi dell’appendicite?

«All’inizio può comparire il dolore addominale tipico dell’appendicite – prosegue il professore -, a destra in basso, che può irradiarsi anche nella zona dell’ombelico. In alcuni casi, può non essere subito presente il dolore addominale, specie negli anziani e nelle donne in gravidanza, mentre nei bambini, in genere, si manifesta subito il dolore addominale diffuso, che negli adulti compare in una seconda fase. Inoltre, possono essere presenti nausea o vomito, e la febbre oltre 37.7 °C. Attenzione anche a un dolore addominale localizzato che aumenta con un colpo di tosse, per alcuni anche quando camminano».

Quando rivolgersi al medico?

«Ai primi sintomi sospetti, è fondamentale rivolgersi al medico per la valutazione dell’addome che si effettua con una manovra manuale di pressione chiamata segno di Mc Burney. Se questo segno è evidente, ovvero il paziente sente un aumento del dolore quando il medico rilascia la pressione, viene data indicazione all’intervento; in caso di dubbi possono essere effettuati esami del sangue, ecografia e TC. L’appendicectomia, ovvero l’intervento chirurgico di asportazione dell’appendice infiammata deve essere precoce – sottolinea il professor Megevand – per evitare le complicanze dell’ascesso e della peritonite. L’intervento viene effettuato in laparoscopia, con tre piccole incisioni di pochi millimetri ciascuna, e se l’appendicite non è particolarmente complicata, dopo 1 giorno il paziente può tornare a casa e dopo una settimana il recupero è completo».  

Lo specialista riceve anche presso il centro Humanitas Medical Care di via Murat 13, a 450 metri dall’Ospedale. La struttura dispone di un ampio parcheggio nelle vicinanze a disposizione del paziente.

Responsabile di Chirurgia Generale
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici