COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Capelli: cadono di più se… 6 “fake news” da cui proteggerli 

Lavarsi i capelli tutti i giorni o solo 2-3 volte a settimana? Gel e balsamo, sì o no? Asciugarli naturalmente o con il phon? Per districarsi, letteralmente, tra le tante informazioni e qualche “bufala” che viaggiano in rete, ma anche nei bar, abbiamo chiesto l’aiuto della dott.ssa Ylenia Balice, dermatologa di Humanitas San Pio X.

Riguarda gli uomini due volte più delle donne. L’80% dei maschi contro il 40% delle donne, in genere dopo la menopausa, soffre di caduta di capelli, più nota come alopecia o calvizie. «L’alopecia androgenetica è il più frequente tipo di alopecia presente sia negli uomini che nelle donne – spiega la dott.ssa Balice -, caratterizzata da una progressiva perdita di capelli con distribuzione progressiva e più rapida per gli uomini, a partire dalla zona fronte-tempie e poi al vertice della nuca, più lenta invece per le donne, quasi esclusivamente al vertice della nuca. La genetica, ovvero avere uno o entrambi i genitori calvi può indicare una certa predisposizione alla calvizie, ma anche eventuali squilibri ormonali. 

Ecco perché è importante rivolgersi allo specialista

«Sebbene non si possa prevenire, è possibile però arrestare la progressione della malattia grazie all’inizio tempestivo delle terapie – spiega la dottoressa -. Il primo campanello d’allarme, specie se c’è predisposizione genetica, è l’assottigliamento dei capelli, tipico segno dell’alopecia androgenetica, intercettabile precocemente con la visita dermatologica con dermatoscopio. Ai primi segni di assottigliamento e caduta dei capelli, è importante rivolgersi subito allo specialista e non aspettare che l’arretramento a livello delle tempie sia diffuso. In questo modo si possono iniziare subito le terapie che cambiano come modalità e durata a seconda del grado della patologia e della storia del paziente». 

6 “fake news” da cui proteggere la chioma (o quel che resta)

I capelli cadono di più se si fa uso frequente di gel e lacca?-

Falso. Si tratta di prodotti che si depositano sul capello e non entrano nella cute. Attenzione: vanno eliminati bene con lavaggi frequenti perché possono favorire la forfora e la dermatite seborroica

Lavaggi frequenti e spazzolare spesso i capelli, li fa cadere? 

Falso. I capelli sporchi tengono a cadere in maggior numero. Importante scegliere uno shampoo delicato e anticaduta

Cappelli e casco da moto o da bici, rovinano e fanno cadere i capelli?

Falso. Non c’è relazione tra caduta dei capelli e casco o berretto. Il cappello, invece, specie in estate protegge il cuoio capelluto dal sole che, scottandosi, fa aumentare la caduta dei capelli

Il balsamo appesantisce e favorisce la caduta dei capelli?

Falso. Il balsamo rende i capelli morbidi e setosi, più protetti dalle aggressioni esterne di sole e disidratazione da phon, grazie alla presenza dei siliconi. 

Meglio lasciare asciugare i capelli senza phon?

Falso. Se sono corti, asciugarli al sole d’estate può essere un’opzione, ma se sono lunghi, meglio asciugare la cute con il phon a temperatura moderata per evitare che la cute bagnata possa favorire la crescita di microrganismi causa di alcune dermatiti

Il fumo fa male ai capelli?

Vero. Il fumo aumenta la caduta dei capelli su tutto il cuoio capelluto, peggiora la calvizie e l’alopecia androgenetica

Dermatologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici