COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Glaucoma: l’importanza di misurare la pressione oculare 

Abbiamo chiesto al dott. Rosetta come prenderci cura della salute dei nostri occhi attraverso la misurazione della pressione oculare. 

Il glaucoma è una malattia cronica che non dà sintomi, ma quando compaiono il danno è fatto, e se non curato può portare a cecità. Informazione, visita oculistica e misurazione della pressione intraoculare, che aumenta in genere tra i 45-55 anni, sono armi efficaci per la prevenzione del glaucoma, chiamata anche il “ladro silenzioso della vista”. Sebbene molto si sappia sul glaucoma e sulle sue cause una volta diagnosticato è possibile anche arrestare la progressione della malattia, ma i danni alla vista presenti alla diagnosi sono irrecuperabili. «La visita oculistica è fondamentale  – spiega il dott. Pietro Rosetta, responsabile di oculistica di Humanitas San Pio X -, perché l’ipertono, ovvero l’aumento della pressione intraoculare non dà alcun disturbo alla visione, ma inizia a fare danni permanenti. La diagnosi precoce, oggi si avvale di tecnologie sofisticate come la tonometria mediante studio della biomeccanica corneale (Corvis), la tomografia ottica a luce coerente (OCT) e la perimetria FDT (tecnologia a raddoppio di frequenza). Si tratta di esami rapidi e non invasivi di cui possono beneficiare anche i parenti dei pazienti affetti da glaucoma, i quali possono avere una maggiore predisposizione genetica a sviluppare la malattia. E in caso di trattamenti, oggi la terapia per il glaucoma si avvale in maniera efficace di colliri, terapia laser e interventi chirurgici». 

Glaucoma: spesso la diagnosi arriva “per caso”

Quando compaiono i disturbi visivi, è spesso il momento in cui il paziente va dall’oculista e scopre di avere il glaucoma. «Spesso il paziente arriva a ricevere diagnosi di glaucoma “per caso” – continua l’esperto -, e spesso tardivamente, perché decide di sottoporsi a visita oculistica per difficoltà a leggere, oppure a guidare e gli è stato negato il rinnovo della patente, oppure perché si accorge di far fatica a vedere in condizioni di scarsa illuminazione, o ancora perché si rende conto di aver perso le proporzioni periferiche del campo visivo e urta gli oggetti che si trovano al suo fianco». Sottoporsi a controlli periodici è il modo migliore per intercettare precocemente la malattia e intervenire in modo efficace per salvare la vista.

 

 

Specialista in Oftalmologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici