Quando nasce una mamma nasce anche un papà: questo lo spirito di Humanitas San Pio X che presta grande attenzione al ruolo dei papà e al loro coinvolgimento nelle dinamiche familiari, non solo come supporto alle proprie compagne, ma come protagonisti attivi nella cura del neonato.

Uno spirito che si concretizza, per esempio, nel “Vademecum del P.a.p.à.”, Persona Abile nel Proteggere e Accudire, che viene consegnato a tutti i papà dopo la nascita del loro bambini, con tanti consigli pratici di puericultura e sicurezza. Consigli al centro anche del Papà Camp, il laboratorio dedicato ai futuri e neo papà, vera novità dell’ultima edizione di HumanitasMAMA.

Un ruolo delicato quello del papà, che i nostri specialisti oltre a supportare con dedizione, raccontano con simpatia: dal papà scientifico, a quello assistente, dal papà neonatologo al vigile urbano, passando per il papà osservatore e per quello segretario; piccole fotografie di vita ospedaliera che confermano come il ruolo del papà sia fondamentale nel percorso che porta alla nascita di un figlio e dunque di una nuova famiglia. Ecco dunque i papà visti dagli specialisti di Humanitas San Pio X.

Il papà scientifico

“Il papà scientifico è molto preciso e vuole tenere tutto sotto controllo. Ricordo ancora un marito ingegnere che aveva costruito una curva su cui riportava l’attività contrattile uterina, quasi più precisamente dei nostri tocografi”, racconta la dottoressa Sarah Moretti Montefusco, ginecologa in Humanitas San Pio X.

Il papà osservatore

“Il papà osservatore lo individuiamo in un attimo: è il papà che ascolta, osserva e non parla e che sappiamo già che alla fine inizierà con una serie di domande precise dicendo – Cara, ti sei dimenticata questo, questo e questo -”, spiega il dottor Valeriano Genovese, ginecologo in Humanitas San Pio X.

Il papà segretario

Come racconta il dottor Daniele di Piazza, ginecologo in Humanitas San Pio X: “C’è una tipologia di papà che chiamiamo papà segretario e lo riconosciamo da come tiene tutte le carte in ordine e conosce molto bene le date degli esami e degli accertamenti fatti e di quelli programmati”.

Il papà assistente

“Lo riconosciamo perché aiuta l’ostetrica, la segue e la guarda e vorrebbe dare una mano a tagliare il cordone ombelicale o a mettere il monitoraggio. Ascolta le frasi che diciamo alla moglie e le ripete e cerca di essere un vero assistente che si dà da fare”, aggiunge la dottoressa Stefania Del Duca, coordinatrice ostetrica in Humanitas San Pio X.

Il papà manager

“È quello che vuole conoscere tutto ciò che avverrà al momento del parto, anche sulle questioni più pratiche, come per esempio se il travaglio di parto inizia nella mattinata, in un orario in cui la città è piena di auto, se ci saranno problemi per l’arrivo in ospedale”, riferisce il dottor Gianalfredo Franzoni, ginecologo in Humanitas San Pio X.

Il papà medico

“È un papà informatissimo e brillante. In quanto informatissimo, ha studiato e sa già quali sono tutti gli esami e i controlli in gravidanza. È la parte razionale della coppia e ci aiuta sempre, in qualunque momento, soprattutto nel primo trimestre di gravidanza in cui la coppia è chiamata a prendere delle decisioni importanti”, commenta la dottoressa Marinella Dell’Avanzo, ginecologa in Humanitas San Pio X.

Il papà neonatologo

“Quando nasce il proprio bambino, il papà neonatologo sa già tutto di puericultura e neonatologia; chiede se può fare lui lo skin-to-skin ed è disposto a togliersi la camicia per adagiare il bimbo sul proprio petto, e ha una serie di conoscenze sulle principali manovre di puericultura”, aggiunge la dottoressa Paola Marangione, Responsabile di Neonatologia in Humanitas San Pio X.

Il papà vigile urbano

“Pochi minuti dopo la nascita si mette in corridoio con elenco dettagliato dei parenti che possono accedere alla stanza della mamma e del bimbo, tiene conto dei minuti che i parenti possono trascorrere nella stanza e viaggia munito di disinfettante per prevenire il contatto di mani non adeguatamente disinfettate con il proprio bambino e la propria moglie”, dice la dottoressa Anna Moscatiello, neonatologa in Humanitas San Pio X.

Guarda il video “I papà visti dai nostri specialisti”.