COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Malattie veneree: come capire se hai i sintomi?

Malattie veneree e malattie trasmissibili sessualmente sono sinonimi che definiscono patologie diverse a livello genitale e sistemico contratte a seguito di rapporti sessuali. La difficoltà e il timore di parlarne apertamente, spesso, sono il motivo per cui alcune persone non si rivolgono allo specialista a primi sintomi ma solo quando la malattia è conclamata. Riconoscere i primi segnali, specie se insorti a seguito di rapporti sessuali non protetti, e rivolgersi allo specialista è fondamentale per iniziare tempestivamente la terapia adatta ed evitare complicanze nel lungo periodo.

Approfondiamo l’argomento con la dottoressa Raffaela Cinzia Di Pace, ginecologa e sessuologa di Humanitas San Pio X.

Non solo sifilide e gonorrea

Sifilide e Gonorrea sono solo alcune, e probabilmente le più note, tra le patologie sessualmente trasmissibili. In realtà, tra le malattie veneree più frequenti troviamo anche la Clamidia, l’Herpes genitale, i condilomi, più comunemente chiamati verruche genitali, o patologie causate da virus come HIV (AIDS), HBV e HCV (Epatite B e C), e HPV (Papilloma Virus).  

Come capire se si è contratta una malattia venerea?

I sintomi sono diversi per ogni malattia trasmissibile sessualmente, anche tra maschi e femmine. Inoltre, i segni di infezione possono comparire sia a livello genitale, anale e perianale (vicino alla zona anale), sia sulla pelle, bocca, gola, o altri organi, sulla base del tipo di rapporto sessuale praticato.

È importante riconoscere alcuni segni caratteristici e rivolgersi al proprio medico in caso di: 

  • anomale perdite dalla vagina, dal pene o dall’ano visibili sugli indumenti intimi
  • dolore pelvico (la parte bassa dell’addome)
  • prurito genitale e perianale
  • lesioni di qualunque tipo a livello genitale, anale o della bocca
  • aumentata frequenza nel bisogno di urinare, bruciore, e talvolta anche dolore alla minzione
  • dolore ai rapporti sessuali o sanguinamento.

Cosa fare se c’è il sospetto di un’infezione trasmessa per via sessuale?

Per i medici di famiglia, i ginecologi, urologi e sessuologi non è raro vedere persone che hanno sintomi di una infezione trasmessa per via sessuale. Pertanto, contattare e parlarne apertamente con un esperto è un atteggiamento di responsabilità nei confronti della propria salute e di rispetto nei confronti dei propri partner sessuali. In caso il medico abbia il sospetto che i sintomi siano riferibili a una malattia trasmissibile sessualmente, potrebbe richiedere esami di approfondimento che richiedono un tampone rettale, cervicale o vaginale, uretrale nel maschio, o faringeo, oppure un prelievo di sangue, urina o saliva.

Infatti, solo con una diagnosi eziologica corretta è possibile sia gestire i sintomi, sia iniziare una terapia specifica mirata alla guarigione dell’infezione rilevata. Inoltre, adottando opportune protezioni di barriera durante i rapporti sessuali, è possibile evitare la reinfezione.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici