COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Meno+: contro la tristezza in menopausa

La menopausa è una fase della vita che può risultare emotivamente difficile per alcune donne, indipendentemente dalla presenza di sintomi più o meno severi normalmente legati a questa nuova fase della vita. Gli sbalzi d’umore possono diventare debilitanti e la tristezza prevalere sulla vitalità e la serenità, impattando negativamente sia a livello personale che relazionale.

Ma che cosa succede a livello psicologico con l’arrivo della menopausa? Come distinguere la tristezza cronica da uno stato depressivo? Quali i consigli per continuare a sorridere?  Ce lo spiega Giampaolo Perna, psichiatra di Humanitas San Pio X e docente di Humanitas University, nell’episodio “Mai piu senza…sorriso!” del podcast Meno+, per vivere la menopausa con meno pensieri e più salute..

Ascolta “Mai più senza…sorriso!” su Spreaker.

“Notoriamente la menopausa viene vissuta come un meno, come un periodi di sottrazione. In realtà è possibile continuare a sfruttare le tante esperienze di vita positive per imparare a vivere con serenità questo passaggio – spiega il professor Perna – In questo episodio vediamo come mantenere lontane le emozioni negative e non smettere di sorridere anche quando questo può risultare difficile”.

 

 

Centro per i disturbi d’ansia e di panico
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici