COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Perdite in gravidanza, quando rivolgersi al ginecologo?

La comparsa di perdite vaginali nel corso della gravidanza è un disturbo abbastanza comune, in particolare nel primo trimestre, e nella maggior parte dei casi non desta preoccupazione per la mamma e per il bambino, soprattutto se si tratta di secrezioni vaginali. Le perdite, però, possono essere di diverso tipo e possono avere cause differenti; osservarne il colore può essere di aiuto per comprendere se sia il caso di rivolgersi al ginecologo per approfondimenti.

Perdite, il colore è importante

Vediamo insieme al dottor. Alessadro Bulfoni dell’Unità di Ostetricia e Ginecologia di Humanitas San Pio X come riconoscere le cause delle perdite in base al colore.

Le perdite possono essere dovute a un aumento delle secrezioni vaginali per fattori ormonali. “Se sono trasparenti o biancastre – spiega il Dott. Bulfoni – sono innocue e non è dunque necessario fare nulla qualora si presentino”; in questo caso, infatti, si parla di leucorrea gravidica fisiologica.

Se le perdite sono tendenti al verde o al giallo o bianche di consistenza densa (simile a ricotta) o sono maleodoranti, è consigliabile consultare il ginecologo. “La causa – continua il dottor Bulfoni – potrebbe risiedere in un’infezione vaginale e lo specialista potrebbe suggerire l’esecuzione di un tampone vaginale per accertare la natura dell’infezione”.

Nel primo trimestre possono verificarsi delle piccole perdite di colore rosso scuro, tendenti al bruno; potrebbero essere dovute alla rottura di qualche capillare o all’impianto della gravidanza non ancora ottimale.

Le perdite di colore rosso vivo, invece, devono essere considerate un campanello d’allarme, soprattutto se abbondanti e in presenza di dolore pelvico. “In questo caso – avverte il medico – è bene consultare il ginecologo o recarsi in pronto soccorso: potrebbe trattarsi di una minaccia di aborto”.

In ogni caso la perdita di sangue nel primo trimestre non va sottovalutata e oltre al controllo clinico necessita di riposo e un eventuale apporto di progesterone.

Perdite nel secondo e nel terzo trimestre

Le perdite ematiche nel secondo e nel terzo trimestre possono essere dovute a due condizioni serie: il distacco di placenta e la placenta previa. Nel primo caso, la placenta si stacca dalla parete uterina, fenomeno che in genere avviene durante il travaglio o dopo il parto. In caso di placenta previa invece, questa si posiziona più in basso del dovuto, andando talvolta a ostruire il canale del parto. Entrambe le condizioni necessitano di assistenza medica; è bene dunque in presenza di perdite di sangue rivolgersi al ginecologo o recarsi al pronto soccorso.

Le perdite di sangue, se presenti prima della 37a settimana, possono anche indicare l’inizio di un travaglio pre termine, cioè la presenza di contrazioni uterine superiori al numero fisiologico. “Per tale motivo – conclude il dottor Bulfoni – anche in questo caso è utile effettuare un controllo dal proprio ginecologo curante o presso un reparto di ostetricia e ginecologia”.

Ginecologia e Ostetricia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici