COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Rimedi contro la stitichezza: quando è necessario l’intervento chirurgico?

La stitichezza è un disturbo molto diffuso, in particolare nelle donne, e si tratta di un’evacuazione difficoltosa o infrequente. Il disturbo può avere carattere transitorio o cronico e può essere tenuto sotto controllo con alcuni interventi sullo stile di vita, come una corretta alimentazione ricca di fibre, un’adeguata idratazione, un regolare esercizio fisico, l’assunzione di integratori e farmaci.

In alcuni casi però, questi rimedi non sono sufficienti ed è dunque necessario ricorrere alla chirurgia, come ha spiegato il dottor Leonardo Lenisa, specialista del Centro del Pavimento Pelvico di Humanitas San Pio X, in un’intervista.

La stitichezza da rallentato transito intestinale

“In generale, ci sono due grosse categorie di stipsi di attenzione chirurgica. Una è considerata tradizionalmente la stipsi da rallentato transito ed è una condizione patologica in cui l’intestino perde la capacità naturale di progredire; si tratta di colon discinetici che non sono più capaci di camminare da soli nonostante un utilizzo intensivo di presidi sanitari.

In casi molto rari e selezionati, i pazienti che ne soffrono possono andare incontro a chirurgia; si tratta tuttavia di interventi rari, un po’ demolitivi e gravati da una certa percentuale di complicanze”, spiega il dottor Lenisa.

La stitichezza dovuta a cedimento del pavimento pelvico

“Molto più frequentemente invece, soprattutto nelle donne in età post-menopausale o che hanno avuto figli con parti naturali, possono esservi dei cedimenti degli apparati di sostegno del pavimento pelvico e in questo senso, il prolasso del retto, l’intussuscezione o invaginazione rettoanale, il rettocele ed anche la coesistenza di un prolasso genitale, possono costituire un obiettivo chirurgico ideale, la cui correzione riduce anche i sintomi correlati.

In generale infatti, in questi pazienti, si ha un’evacuazione alterata intesa sia come capacità di contenere le feci adeguatamente, sia di espellerle correttamente; un disturbo che può riguardare sia il compartimento posteriore sia quello anteriore, con un impatto sulla efficacia della funzione sia urinaria sia fecale”, ha concluso lo specialista.

Chirurgia Generale
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici