COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Sindrome premestruale, cosa aiuta ad alleviarla?

Sono sempre più le ragazze e le donne a cui viene diagnosticata la sindrome premestruale, che si manifesta puntuale poco prima dell’inizio del ciclo ed è caratterizzata da stanchezza, ansia, irritabilità, malumore simile a depressione, oltre che mal di testa e dolore al seno.

Cosa aiuta ad alleviare la sindrome premestruale? L’abbiamo chiesto alla dottoressa Raffaella Di Pace, ginecologa di Humanitas San Pio X

Grazie a dei piccoli cambiamenti nella vita quotidiana, è possibile contribuire ad alleviare i sintomi della sindrome e vivere con più serenità questo particolare momento del mese.

Alimentazione e attività fisica alleviano i sintomi 

«Tenendo presente che è sempre il medico di medicina generale, nutrizionista o ginecologo la persona a cui fare riferimento per sciogliere dubbi e chiedere supporto – sottolinea l’esperta -, per evitare irritabilità e cambiamenti d’umore repentini, stanchezza e spossatezza durante il periodo premestruale può essere utile intervenire sul proprio stile di vita. 

Alimentazione e sindrome premestruale

Si può iniziare dall’alimentazione, che dovrebbe essere sana ed equilibrata, ricca di ferro e vitamine del gruppo B, indispensabili per combattere la stanchezza e per favorire il drenaggio dei liquidi. Anche calcio, vitamina D, magnesio e Omega-3 sono importanti per combattere i sintomi della sindrome premestruale. Andrebbe evitato o limitato, invece, il consumo di alcol e caffeina, che hanno ripercussioni negative sul riposo notturno, e sale che aumenta la ritenzione idrica. Inoltre, mantenersi idratate bevendo la giusta quantità di acqua (almeno 2 litri al giorno) aiuta a contrastare i sintomi della sindrome premestruale, oltre a ridurre il gonfiore e stimolare i processi digestivi

Attività fisica e sindrome premestruale

Infine, un aiuto importante proviene anche dall’attività fisica – conclude la dottoressa Di Pace – dato che uno stile di vita poco sedentario e lo svolgimento di attività fisica regolare a intensità moderata aiutano a migliorare e stabilizzare il tono dell’umore. Nei casi in cui invece modificare lo stile di vita non sia sufficiente, si può intervenire con derivati fitoterapici, in primis l’agnocasto che ha un’azione simile a quella del progesterone, ormone dominante nella fase post-ovulatoria.

Come ultima possibilità si può ricorrere a una terapia ormonale che può essere caratterizzata da una integrazione di progesterone nella seconda metà del ciclo o a una pillola che, abolendo le fluttuazioni ormonali del ciclo naturale, elimina la causa della sindrome premestruale all’origine».  

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici