COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Soffocamento, la manovra di disostruzione pediatrica 0-1 anno

Conoscere le giuste manovre di disostruzione in caso di soffocamento di un bambino è fondamentale, perché occorre intervenire in breve tempo; ma ancora più importante è la prevenzione e dunque è bene fare attenzione quando si è a tavola, a come si tagliano gli alimenti, ai giochi presenti in casa o ad altri oggetti.

Come ci spiega Mirko Damasco, istruttore di Salvagente Italia, sono previste due diverse manovre di disostruzione pediatrica, una dedicata ai bambini entro l’anno di età e l’altra per i bambini che hanno già compiuto un anno.

Soffocamento, quando intervenire

Come ci accorgiamo se qualcosa è andato nelle vie aeree? “Mentre il bambino sta mangiando o giocando, inizia a tossire. La tosse – spiega Mirko – è un importantissimo meccanismo di difesa dell’organismo, per cui finché il bambino tossisce non occorre fare nulla.

Nel momento in cui il bambino smette di tossire, diventa scuro in volto, smette di respirare e non emette più alcun suono, è il momento di procedere con la manovra di disostruzione.

Se intorno a noi ci sono altre persone, cerchiamo di chiedere aiuto, a voce alta, avremo così modo di attirare l’attenzione e di incaricare chi arriverà a chiamare un’ambulanza”. Se invece, ciò non è possibile, è bene chiamare subito i soccorsi.

Colpi interscapolari e compressioni

“Procediamo poi adagiando il bambino sul nostro avambraccio a pancia in giù, tenendolo per la mandibola. Appoggiamo l’avambraccio sulla coscia e diamo cinque colpi vigorosi e ben assestati tra le scapole.

Se la situazione si risolve e il bambino torna a respirare, la manovra ha avuto successo. Se invece non funziona, occorre girare il bambino sull’altro avambraccio (sempre appoggiato sulla coscia) a pancia in su ed effettuare cinque compressioni con due dita al centro del torace (sulla linea tra i capezzoli).

Si va avanti alternando cinque pacche interscapolari e cinque compressioni, fino a quando o il bambino torna a respirare oppure perde conoscenza: a questo punto occorrerà seguire le istruzioni degli operatori sanitari se si è al telefono, oppure affidarlo a cure mediche tempestive laddove l’ambulanza sia arrivata sul posto” conclude Mirko.

All’interno del video la dimostrazione pratica della manovra di disostruzione delle vie aeree.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici