COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Svezzamento vegetariano e vegano? Fondamentale l’integrazione della vitamina B12

La vitamina B12 (anche detta cobalamina) è una vitamina idrosolubile e dunque non può essere accumulata nell’organismo, ma deve essere assunta mediante l’alimentazione.

Questa vitamina è contenuta solo negli alimenti di origine animale, come carne, pesce, latte e uova. Chi dunque segue un’alimentazione vegetariana o vegana, senza un’adeguata integrazione, è a rischio carenza.

La vitamina B12 infatti svolge un ruolo importante nell’organismo: partecipa al metabolismo degli amminoacidi, degli acidi nucleici e degli acidi grassi. Svolge poi un compito essenziale nella creazione dei globuli rossi e nella formazione del midollo osseo.

La necessità di integrare la vitamina B12 nei vegetariani e nei vegani

Come sottolinea il dottor Marco Nuara, medico di Neonatologia di Humanitas San Pio X: “Chi segue un’alimentazione vegetariana e vegana trova nelle fonti vegetali tutti i nutrienti di cui ha bisogno; questo però non accade con la vitamina B12 che è presente solo negli alimenti di origine animale, soprattutto nella carne.

È dunque necessaria un’integrazione di questa vitamina non solo nei vegani, ma anche nei vegetariani: l’apporto di vitamina B12 infatti che si può ottenere mangiando solo latticini, pesce e uova non è comunque sufficiente.

Anche chi consuma carne saltuariamente, però, deve essere considerato alla stregua di un vegetariano e quindi provvedere al supplemento della vitamina.

Attenzione dunque ai bambini che seguono un’alimentazione vegetariana e vegana: senza una corretta integrazione di questa vitamina, corrono il rischio di andare incontro a carenze importanti, che possono determinare deficit neurologici che non sempre è poi possibile recuperare. Un rischio presente anche negli adulti e che non va sottovalutato nemmeno in gravidanza e in allattamento.

Se da un lato è possibile seguire personalmente e proporre ai propri figli un’alimentazione vegetariana e vegana, dall’altro non bisogna affidarsi al fai da te, ma consultare un pediatra specializzato o un nutrizionista, al fine di assicurare l’apporto di tutti i nutrienti necessari per l’organismo e supplire eventuali carenze”.

 

Neonatologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici