COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Ginocchio: protesi personalizzate 3D, perchè così importanti

Negli ultimi anni, anche in ortopedia si sta concretizzando l’approccio della personalizzazione delle cure, anche quando si parla della necessità di un impianto di protesi. Tenere conto della diversa anatomia e morfologia delle articolazioni di ciascuno di noi, è alla base dell’idea sviluppata dal prof. Maurilio Marcacci, responsabile del centro per la ricostruzione articolare del ginocchio di Humanitas San Pio X e docente di Humanitas University, e dal suo team, di protesi personalizzata 3D. Di cosa si tratta e perchè è così importante, l’abbiamo chiesto al prof. Marcacci che per la prima volta al mondo ha impiantato in un paziente una protesi totale di ginocchio stampata in 3D in lega di cromo cobalto. 

Perchè è stato importante usare questa innovativa tecnologia?

«La valutazione clinica del paziente a cui abbiamo impiantato la protesi 3D – spiega il prof. Maurilio Marcacci – aveva dimostrato che il paziente non avrebbe tratto beneficio dall’impianto di una protesi standard di ginocchio sebbene di misura adeguata alla sua articolazione. Infatti, pur vicina all’anatomia, la protesi tradizionale non avrebbe garantito un perfetto match, ovvero un perfetto accoppiamento. Pertanto, dal momento che disponiamo dell’innovazione tecnologica necessaria nel nostro centro per la ricostruzione articolare del ginocchio, abbiamo scelto di intervenire con l’impianto di una protesi personalizzata realizzata non solo della dimensione perfetta, anche disegnata sull’anatomia del paziente».

Come è stato possibile realizzarla? 

«Caratteristiche e parametri anatomici specifici del paziente sono stati rilevati grazie a TC e RMN – continua l’esperto -, permettendo così di disegnare la protesi personalizzata che poi è stata ricostruita fedelmente con la stampa 3D. Nella chirurgia protesica, inoltre, è fondamentale il perfetto posizionamento della protesi: a questo scopo, abbiamo usato un sistema computerizzato di planning preoperatorio interattivo in 3D che ci ha permesso di posizionare l’impianto nella posizione ottimale». 

Quali sono i vantaggi?

«La ricostruzione dell’articolazione con una protesi totale del ginocchio necessaria quando artrosi o lesioni la rendono necessaria, è una procedura piuttosto comune – commenta l’esperto -. Fino ad oggi l’artroplastica del ginocchio ha aiutato milioni di pazienti in tutto il mondo sebbene le conoscenze e le tecnologie disponibili non permettessero di considerare l’anatomia specifica di ogni singolo paziente. Con le protesi standard, in alcuni casi, possono insorgere dolore o infiammazione, mentre l’impianto di una protesi personalizzata e anatomica riduce il tempo di recupero e il dolore post operatorio, rende più veloce la ripresa della funzione dell’articolazione e migliora la qualità di vita del paziente».

Dopo l’intervento è necessaria la riabilitazione?

«Sempre – sottolinea il prof. Marcacci -, eseguita da professionisti esperti e formati, oggi anche grazie allo sviluppo di tutori dotati di sensori che trasmettono informazioni al chirurgo o al fisioterapista per personalizzare la riabilitazione sulle esigenze del paziente». 

https://prenota.humanitas.it/medico/dott-marcacci-maurilio

Specialista in Ortopedia e Traumatologia; Fisiokinesiterapia; Medicina dello Sport
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici