COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Non solo moda: a cosa serve il kinesio taping?

Cerotti colorati, spesso dalle tinte accese, che si applicano sul corpo e che non di rado abbiamo notato anche sulla pelle di atleti come il tennista Novak Djokovic o di calciatori come Beckham e Balotelli, giusto per citarne alcuni. È il kinesio taping: un cerotto in cotone che può rivelarsi molto efficace nel trattamento di piccole lesioni ortopediche.

Il kinesio taping fu inventato dal dottor Kenzo Kase, un chiropratico giapponese, negli anni Settanta e da allora ha avuto un crescente sviluppo. È un cerotto elastico di cotone che può essere utile sia in fase acuta sia in fase cronica.

Non solo moda dunque, ma un vero e proprio alleato terapeutico, per il quale però occorre la prescrizione medica e l’applicazione da parte di personale qualificato. Conosciamo meglio il kinesio taping grazie al contributo del dottor Federico D’Amario, Responsabile di Ortopedia Protesica e Ricostruttiva Anca e Ginocchio in Humanitas San Pio X.

Come funziona il kinesio taping?

“Il kinesio taping ha due funzioni importanti: una drenante e una stabilizzante. In fase acuta, per esempio, può essere utile per drenare i liquidi in caso di edema, grazie alla sua azione meccanica. Viene applicato sulla pelle e a seconda di come lo si applica (posizione, direzione, tensione, tipo di cerotto) può inibire il lavoro di un muscolo in sovraccarico o contratto oppure sollecitare l’azione di un muscolo meno tonico, contribuendo alla ripresa motoria. Questo è possibile grazie ai recettori nervosi presenti sull’epidermide che, su sollecitazione di stimoli esterni, comunicano con i muscoli sottostanti.

In caso di edema, per esempio, si applicano cerotti a intessere una sorta di rete; il cerotto agisce attraverso la pelle sul flusso linfatico, lavorando in termini di drenaggio e favorendo il riassorbimento dei liquidi accumulati.

Può essere inoltre prescritto in fase cronica, per stabilizzare le articolazioni. Il kinesio taping può anche essere utile in fase di indagine per distinguere una sublussazione di rotula da una lesione meniscale”, spiega il dottor D’Amario.

Kinesio taping, no al fai da te

“Sebbene la sua applicazione sul corpo di sportivi famosi abbia contribuito alla sua diffusione, il kinesio taping va prescritto da una specialista e va utilizzato laddove possa rivelarsi utile. Ecco perché è importante affidarsi a specialisti esperti. Anche l’applicazione deve essere fatta da un fisioterapista o da un medico che sia preparato e competente: esistono corsi ad hoc per apprendere la corretta applicazione di questi speciali cerotti.

Se ben utilizzato il kinesio taping può rivelarsi molto efficace. Garantisce libertà di movimento, in quanto elastico, mantenendo però i propri effetti di protezione; la composizione in puro cotone, infine, allontana il rischio di allergia e di irritazione cutanea”, ha concluso lo specialista.

Ortopedia e Traumatologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici