COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Disturbi del pavimento pelvico: come si diagnosticano?

I disturbi del pavimento pelvico, ovvero quella zona nel piccolo bacino costituita da legamenti, muscoli e tendini che “sostengono” gli apparati genito-urinario e anorettale, possono essere molteplici e diversi tra loro.

Sono più frequenti nelle donne, specie dopo i 60 anni, e si possono presentare come ritenzione e incontinenza urinaria, prolassi genito-urinari, rettali ed emorroidari, stipsi, defecazione ostruita, incontinenza fecale e dolore pelvico cronico. Per questo motivo, e per la diversità degli organi coinvolti, l’approccio clinico e diagnostico multidisciplinare con esami specifici è il percorso preferenziale per valutare la terapia più adatta alla donna e alla causa dei suoi disturbi.

Fondamentale è la visita specialistica e la raccolta dell’anamnesi, cioè della storia clinica della paziente e dei suoi sintomi, a cui seguono esami specifici per la diagnosi di patologie del pavimento pelvico. Ne parliamo con il dottor Andrea Rusconi, chirurgo del Centro del Pavimento Pelvico in Humanitas San Pio X 

Quali sono gli esami per una corretta diagnosi?

«Nella diagnostica per i disturbi del pavimento pelvico, troviamo esami di tipo morfologico, esami di tipo funzionale, cioè per valutare la funzionalità degli organi del pavimento pelvico, ed esami che combinano in modo dinamico sia esami di tipo morfologico che funzionali – spiega l’esperto -.

Esami di tipo morfologico sono la colonscopia e la colon-TC: la colonscopia permette di escludere la presenza di patologie più gravi ma con sintomi simili ai disturbi del pavimento pelvico; la colon-TC, invece, in casi selezionati, sostituisce la colonscopia con endoscopio, ma in caso di sospetto diagnostico andrà eseguita la colonscopia tradizionale.

Esami di tipo funzionale sono la manometria anorettale e le prove uro-dinamiche che permettono lo studio della vescica e dell’anoretto; l’ecografia endoanale, ecografia endovaginale ed ecografia transperineale, per studiare le strutture legamentose e muscolari del pavimento pelvico. La colpocistodefecografia è un esame sia morfologico sia funzionale che si svolge come un esame radiologico con mezzo di contrasto, e permette di valutare insieme sia la dinamica dell’evacuazione, sia cosa accade a livello degli organi pelvici (vescica, utero e retto), sia l’eventuale presenza di diverse cause (morfologiche, funzionali, altre patologie) che possono influenzare anche il pavimento pelvico e la sua funzione».

Humanitas per lei di Humanitas San Pio X si prende cura della salute delle donne con particolare attenzione alla prevenzionediagnosi e cura delle principali patologie femminili, attraverso visite specialistiche ed esami specifici di primo e secondo livello.

Chirurgia Generale

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici