Nella donna, con l’avanzare dell’età e per le gravidanze, i muscoli e le fasce che costituiscono il pavimento pelvico possono andare incontro a un indebolimento e perdere la loro funzione di sostegno degli organi del perineo e di continenza. Infatti, il pavimento pelvico, che si trova in una zona chiamata perineo tra vagina e ano, ha diverse funzioni: permette di urinare e defecare correttamente, di avere una sessualità soddisfacente e di partorire, oltre a tenere gli organi del perineo nella loro posizione. Perdite di urina, difficoltà a trattenere gas, feci e urine, dolore e tensioni addominali che si ripercuotono anche nella vita sessuale della donna specie durante e dopo la menopausa, abbassamento (prolasso) di utero e/o vescica e/o retto sono disturbi causati proprio da l’indebolimento o da lesioni dei muscoli del pavimento pelvico. Avere un perineo tonico aiuta a prevenire questi disturbi. Ne parliamo con il dottor Andrea Rusconi, medico chirurgo di chirurgia generale di Humanitas San Pio X e del Centro per i disturbi del pavimento pelvico.

Disturbi del pavimento pelvico: dolore, incontinenza, prolasso

«I muscoli del pavimento pelvico svolgono la funzione di sostegno degli organi presenti nel perineo, ovvero utero, retto, vescica, retto e uretra – spiega il chirurgo -. Si tratta di muscoli spesso traumatizzati durante gravidanza e la fase espulsiva del parto, ma che possono perdere tonicità anche con la menopausa e l’età, oppure a seguito di interventi chirurgici. I disturbi possono comparire a causa di un rilassamento eccessivo della muscolatura con conseguente prolasso genitale, difficoltà a trattenere le urine (urgenza minzionale, incontinenza urinaria da sforzo), prolasso rettale ma anche prolasso emorroidario con stipsi e ostruita defecazione, ma anche incontinenza fecale (urgenza evacuativa, incontinenza ai gas e/o alle feci)».

Non sottovalutare i disturbi del pavimento pelvico

«Da non sottovalutare sintomi e disturbi, anche in giovane età, specie dopo la gravidanza – prosegue il dottor Rusconi -. Infatti, è frequente che i disturbi del pavimento pelvico dopo la gravidanza, specie dopo un parto difficoltoso, si possano manifestare anche dopo anni. Per questo è molto utile iniziare a riabilitare il perineo senza attendere che compaiano i disturbi di una disfunzione del pavimento pelvico. Infatti, muscoli tonici del pavimento pelvico garantiscono sostegno agli organi pelvici. Lo scopo della rieducazione pelvica è di permettere alla donna di ritrovare un controllo volontario dei differenti muscoli striati del perineo, al fine di renderli più performanti e recuperare qualità di vita».

Rieducazione perineale: importante per la prevenzione e il trattamento dei disturbi pelvici

«La rieducazione perineale comprende molte tecniche riabilitative finalizzate a correggere le disfunzioni degli organi pelvici, urinari, digestivi e sessuali, e ridurre al minimo l’insorgenza di patologie del perineo che richiedono un trattamento chirurgico – conclude l’esperto -. La rieducazione perineale, infatti, è indicata in tutti quei casi in cui siano recuperabili elasticità e tonicità del pavimento pelvico. Quando i muscoli perineali sono compromessi e si manifestano sintomi quali incontinenza fecale (perdite di feci) o urinaria, dolore cronico perineale, prolassi è necessaria una valutazione specialistica multidisciplinare che coinvolge la figura del chirurgo colorettale, dell’urologo, del ginecologo, del fisiatra e del neurologo per poter stabilire il miglior percorso di cura con trattamenti che possono essere non invasivi, come la riabilitazione o, in caso di fallimento di questa, chirurgici».

Centro del Pavimento Pelvico Clicca qui