COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 6951 1
PRENOTAZIONE SSN
+39 02 6951 6000

LUNEDì – VENERDì
dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 14 alle 16.30
SABATO CHIUSO

PRENOTAZIONE PRIVATI, ASSICURATI, CONVENZIONATI
+39 02 69 51 7000

LUNEDì – VENERDì
dalle 8.00 alle 19.00
SABATO - dalle 08.00 alle 13.00

PRENOTAZIONE PRELIEVI
02 69517000

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

HUMANITAS PER LEI
+39 02 69 51 5151

Dal lunedì al venerdì
Privati, Assicurati e Convenzionati
dalle 9 alle 17

SSN dalle 10:30 alle 17

CENTRO PRIMO INTERVENTO ORTOPEDICO

Dal lunedì alla domenica
Dalle 8.00 alle 20.00

+39 02 69 51 5555

Il servizio è effettuato in regime privato.

Stanchezza e mancanza di energia in gravidanza, c’è da preoccuparsi?

Stanchezza, spossatezza, sonno e mancanza di energia sono sintomi comuni a molte donne in gravidanza, sebbene l’intensità e la frequenza possano variare da donna a donna.

Come ci spiega il dottor Alessandro Bulfoni, Responsabile di Ostetricia e Ginecologia in Humanitas San Pio X: “La spossatezza e la mancanza di energie sono sensazioni frequenti nel primo e nel terzo trimestre di gravidanza, mentre sono meno comuni nel secondo, quando in genere le donne riferiscono di essere meno stanche e di sentirsi bene”.

Primo trimestre, colpa dei cambiamenti ormonali

La mancanza di energia in gravidanza è spesso dovuta ai cambiamenti ormonali tipici di questa fase della vita femminile, e l’ormone principalmente coinvolto è il progesterone. Inoltre, l’aumento del flusso sanguigno riduce la pressione del sangue, contribuendo ad abbassare i livelli di energia nel corso dei primi mesi della gestazione.

A volte la stanchezza (astenia) può essere dovuta a stati di anemia (lieve/moderata/grave) che vanno riequilibrati con l’ausilio di integratori di ferro.

Altre volte può essere causata da una scarsa alimentazione dovuta alla presenza di iperemesi, nausea o acidità (soprattutto nel I° trimestre). Porre rimedio a questi sintomi con l’aiuto del ginecologo, può essere risolutivo anche nei confronti dell’astenia.

La stanchezza può anche avvertirsi a livello mentale, con ripercussioni sul benessere generale, a seguito degli sbalzi di umore, dei pensieri e magari di piccole e grandi paure che possono caratterizzare l’inizio della gravidanza.

Si tratta di una condizione normale, che non deve destare eccessiva preoccupazione ma che non va nemmeno “rifiutata”: è importante infatti ascoltare le esigenze del proprio corpo e cercare di assecondarne i ritmi.

Terzo trimestre, aumentano gli sforzi

La fine della gravidanza richiede spesso maggiori energie per compiere le attività più quotidiane; questo sforzo è dovuto sia alla stanchezza sia alle dimensioni e al peso del bambino. La fatica a dormire, comune a molte donne in questa fase, potrebbe ulteriormente influire sulla mancanza di energia nel corso della giornata.

I consigli per contrastare la stanchezza

Riposare il più possibile: quando possibile, è utile concedersi momenti di riposo o un breve riposino nel corso della giornata. È consigliabile andare a letto presto la sera e per chi sta ancora lavorando, sfruttare il weekend per rilassarsi e riposarsi anche durante il giorno.

Mangiare in maniera sana: un’alimentazione equilibrata contribuisce anche ad assicurare al nostro organismo un buon livello di energia.

Adattare i propri programmi: è fondamentale ascoltare il proprio corpo e assecondarne le esigenze, anche se questo significa cambiare i propri programmi, rinunciando a qualche attività o rifiutando nuove responsabilità. Ci sono donne che affrontando la gravidanza senza disturbi e malesseri e anzi, con ritrovata energia, ma ve ne sono altre che hanno bisogno di ridefinire i propri tempi e le proprie priorità alla luce delle nuove richieste del proprio corpo.

È consigliabile chiedere consiglio al proprio ginecologo, riferendo un’eventuale mancanza di energia e raccontando il proprio stile di vita; lo specialista sarà così in grado di fornire le giuste indicazioni per affrontare la gravidanza al meglio.

 

 

Ginecologia e Ostetricia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici